CMS proprietario o open source?

Le differenze tra una piattaforma open source e un CMS proprietario, quale scegliere?

In questo articolo vorrei parlarti della scelta che ho fatto diversi anni fa quando decisi di sviluppare siti web su un CMS proprietario invece di ricorrere ai soliti CMS opensource come Joomla, Wordpress, Prestashop, Magento, etc...
Inizialmente è stato un investimento ma alla fine abbiamo creato il nostro CMS con il quale creiamo i siti per i nostri clienti, una scelta azzeccata!

Il CMS è il sistema di gestione di un sito web attraverso il quale è possibile aggiornare i contenuti o le funzionalità del sito e per questo, a mio avviso, deve avere alcune specifiche caratteristiche:


1. Semplicità

La prima caratteristica fondamentale che deve avere un CMS è quella della semplicità di utilizzo: deve essere uno strumento facile da utilizzare, soprattutto per quei clienti che dovranno gestire il proprio sito o negozio e-commerce ma non hanno nessuna esperienza nell'uso di tecnologia.

Purtroppo l'interfaccia dei CMS open source non è per nulla intuitiva e semplice da utilizzare, per cui questo fu il primo motivo che mi spinse nel realizzare un CMS proprietario: offrire ai miei clienti un sito semplice da gestire in autonomia.

2. Flessibilità

La seconda caratteristica importante che deve avere un CMS è la flessibilità nella personalizzazione. I progetti web non sono mai uguali, ogni sito ha bisogno di funzionalità specifiche, di moduli personalizzati in base alle esigenze del cliente, soprattutto nello sviluppo di siti e-commerce.

Le piattaforme open source hanno moltissimi temi e plugin già pronti (e questo è un bel vantaggio), ma spesso però non possono essere personalizzati esattamente come vorremmo o in modo semplice, per cui la possibilità di sviluppare moduli ad hoc e template estremamente personalizzabili, per me, rimane la scelta migliore.

3. Sicurezza

Un'altra caratteristica fondamentale riguarda la sicurezza lato server. Quante volte vi sarà capitato di trovare un sito sviluppato in Joomla o Wordpresss che è stato hackerato? A me diverse!
Infatti la vulnerabilità dei software opensource permette agli hacker di sfruttare eventuali falle e bug per "bucare" siti nei quali non viene aggiornato il software. Questo è molto più difficile quando si ha il proprio server e il proprio CMS, grazie ai quali i problemi di sicurezza si affrontano in modo più sereno.

D'altro canto, in alcuni scenari, i CMS open source potrebbero avere dei vantaggi o essere la scelta preferibile:

  • per chi non ha le risorse per sviluppare un proprio CMS
  • per progetti molto strutturati che richiederebbero molto sviluppo
  • per migrazioni di grandi quantità di dati su piattaforme già opensource
  • per progetti a basso budget o per ottimizzare i costi
  • per progetti che non necessitano di particolari funzionalità e performance
A sfavore dei CMS opensource oggi rimane ancora l'eccessiva vulnerabilità, ma d'altro canto anche molti vantaggi come i moduli e i temi pronti e una grande community di supporto.

In conclusione direi che sviluppare su CMS custom è consigliabile se vuoi essere indipendente e sicuro del risultato. Anche se all'inizio c'è molto lavoro da fare (con la mia agenzia web ci abbiamo impiegato circa un anno per farlo), alla fine hai un sistema che puoi personalizzare facilmente senza limitazioni offrendo un servizio molto professionale.

Se il progetto lo dovesse richiedere si può sempre optare per una piattaforma opensource (che è comunque uno strumento professionale), per cui è bene poter offrire entrambi i servizi per coprire tutte le possibili esigenze del cliente.